MENU'

MARINA DI PISA

informazioni su come Marina di Pisa è nata e come oggi si presenta

Storia di marina di Pisa

Marina di Pisa è un'incantevole cittadina che si affaccia sul mare, tuttavia non è sempre stato così infatti se ripercorriamo i suoi passi da un punto di vista storico vediamo che fino al 1606 non esisteva: l'area era paludosa ed insana, e praticamente disabitata. Nello stesso anno Ferdinando I de' Medici decise di far spostare la foce dell'Arno, di circa 1500 metri verso nord.
Dopo tale spostamento venne edificato sulla riva sinistra una costruzione esagonale circondata da un fossato, detta "il Fortino", quale dogana per il traffico fluviale. Probabilmente intorno a tale costruzione vennero edificate le prime case di pescatori, ed è qui che va cercato il nucleo originario di Marina di Pisa.
Il fondatore di Marina di Pisa è riconosciuto in Gaetano Ceccherini, infatti nel 1869 il Re lo costrinse ad abbandonare i terreni da lui posseduti nella riva nord dell'Arno ed in cambio gli fornì ampi appezzamenti nella riva sinistra, oltre ad una congrua somma di denaro. Dopo questo passaggio la zona da Ceccherini posseduta iniziò a guadagnarsi lo status di mèta per il turismo balneare, turismo incentivato dalla tendenza scientifica in favore dei bagni di mare come terapia preventiva di molte malattie. L'atto di fondazione ufficiale del paese risale comunque al 1872, quando il comune di Pisa elaborò un piano regolatore
Il 23 giugno 1892 venne inaugurata la linea ferroviaria a vapore Pisa-Marina, che contribuì ad una crescita turistica del luogo. Vennero quindi edificati i primi ristoranti, stabilimenti balneari, pensioni. Nel 1925 venne costruito un grande stabilimento dalla SNC Cantiere Navale G. Gallinari, successivamente diventata C.M.A.S.A., per la costruzione di idrovolanti Nel 1930 la società proprietaria degli stabilimenti (Dornier Metalblauten) riportò la produzione in Germania, e la fabbrica viene rilevata dalla Fiat: da quel momento iniziò la produzione di moltissimi tipi di aerei. Negli anni sessanta l'erosione costiera, che nel frattempo aveva portato alla scomparsa di buona parte dei lidi sabbiosi, costrinse alla chiusura molti stabilimenti balneari, tanto che si rese necessario proteggere l'abitato attraverso numerose barriere frangiflutti. Nel 1988 lo stabilimento marinese cessò ogni sua attività e venne abbandonato, lasciando solamente un rudere fatiscente. Nel 2000 il problema dell'erosione portò l'amministrazione comunale a tentare di arginare il problema con la realizzazione di una spiaggia di ghiaia. Alla prima mareggiata la spiaggia venne completamente devastata. L' area industriale è stata abbattuta e al suo posto oggi troviamo il Porto di Bocca d'Arno. Inoltre ad oggi non troviamo più la linea ferroviaria a vapore, al suo posto nel suo stesso percorso troviamo una bellissima pista ciclabile e pedonabile che collega direttamente Marina di Pisa a Pisa.

Come si presenta Marina di Pisa

Come si presenta Marina di Pisa